Il “binario verde” della 5^ D e la riqualificazione della Valpolcevera. Quando la cittadinanza attiva si insegna a scuola

La Scuola Primaria Ludovico Ariosto di Genova, dell’Istituto Comprensivo Certosa, è una scuola di “frontiera”. La Valpolcevera è il confine di Genova con l’entroterra, con un alto tasso di popolazione immigrata e con condizioni economiche e sociali non sempre facili. E’ il principale collegamento viario con il nord d’Italia e l’Europa ed è terra di cantierizzazioni e progetti di “Grandi Opere”. Eppure la storia che voglio raccontare è quella di una speranza che nasce dal basso, dalla cittadinanza attiva insegnata a scuola, in una scuola di “frontiera” appunto, dove maestre volenterose si fanno portatrici di progettualità nate dai bambini. Questo è quello che dal 2016 stanno facendo le maestre della sezione D, in una classe che sta per terminare il ciclo della scuola primaria. Un’area abbandonata, un vecchio binario dismesso in una zona difficile e trascurata come Fegino, è diventato un progetto scolastico, nato dal sogno di un alunno[1] che si è trasformato in un sogno collettivo e condiviso da tutta la classe. La geometria si è sposata con la progettazione, con l’educazione allo sviluppo sostenibile, con la rigenerazione urbana vista con gli occhi dei bambini, che hanno saputo guardare oltre e scoprire la bellezza di un tratto di ferrovia abbandonata che potrebbe trasformarsi in un giardino. Sono state tante le idee proposte: dagli orti urbani, alla creazione di una pista ciclabile, alle aree di ristoro, al parco urbano dove poter trascorrere del tempo, giocare, socializzare seduti su panchine, disposte l’una di fronte all’altra, per poter parlare e guardarsi, all’ombra degli alberi che oggi non ci sono. Tutte queste cose oggi mancano a Fegino e la popolazione, e i bambini come loro, ne avrebbero tanto bisogno, per poter giocare e crescere in un contesto più accogliente.

Alcune di queste idee sono state riprodotte in un plastico che nei prossimi giorni verrà presentato al Presidente del Municipio V Valpolcevera, Federico Romeo, che conosce quell’area e i progetti che, non solo gli alunni della 5^ D ma anche i cittadini dell’associazione “Liberidimuoversi”, hanno intenzione di realizzare. Quell’area abbandonata potrebbe diventare il cuore di una riqualificazione della sponda destra del torrente Polcevera, che è un territorio da troppo tempo dimenticato e difficile da vivere.1.jpg

A metà giugno in Municipio, in sede di Commissione consiliare, si discuterà anche un’interrogazione, presentata da cittadini e associazioni del territorio, sulle progettualità che riguardano proprio quell’area, alcune delle quali purtroppo impattanti.

Credo che la scuola rivesta un ruolo fondamentale per la crescita della nostra società, e non si può che ringraziare le insegnanti, che pur tra mille difficoltà e risorse sempre più scarse, riescono a cogliere e a coltivare le speranze e le aspirazioni dei nostri figli. L’augurio è che i bambini di oggi diventino cittadini più consapevoli e attivi e, soprattutto, più responsabili nella cura del nostro fragile ambiente,  e che continuino a coltivare sogni che speriamo si possano realizzare, non solo in un plastico.

Patrizia Palermo

3

 

[1] CERIGNALE F., Il sogno di Matteo: fiori e giardini tra i binari abbandonati di Fegino, 18.08.2016, in http://www.genova24.it/2016/08/sogno-matteo-fiori-giardini-binari-abbandonati-fegino-112610/; ID., Il bimbo alle ferrovie: “Realizzate un parco sui binari di Fegino, in La Repubblica, 19.08.2016; ID., Il “sogno di Matteo” diventa realtà ? Ferrovie risponde “pronti a cedere il binario”, 20.11.2016 in http://www.genova24.it/2016/11/sogno-matteo-diventa-realta-ferrovie-risponde-pronti-cedere-binario-170002/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...