“Dal Verde pubblico al Verde Comune”: il Libro

Scritto da Patrizia Palermo

Dal verde pubblico al verde comune[1] è il libro che chiude la mia personale esperienza istituzionale e avvia una riflessione sui temi del verde pubblico e dei “beni comuni”. E’ il racconto di un ciclo amministrativo municipale in qualità di Vice Presidente e assessore con delega al verde pubblico e al volontariato, svolto in una zona di “frontiera” come la Valpolcevera a Genova, territorio difficile, solcato dai corridoi viari delle Grandi Opere, dalle difficoltà dei quartieri popolari quali la “Diga”, delle tante aree industriali dismesse, segnale tangibile di una crisi pesante e non ancora superata.

Il bene di proprietà pubblica diventa sempre più l’unica risorsa, il mezzo principale per il raggiungimento minimo di quella dignità dei diritti fondamentali che la povertà crescente rende sempre più difficili da soddisfare.

Il testo è una riflessione oltre la sfera strettamente giuridica dei beni pubblici e soprattutto di quelli riconducibili al verde cittadino, al loro ruolo e funzione in una società sempre più in difficoltà. E’ un libro che parte dal diritto ma che narra delle tante “utilità” del Verde come “bene comune” e delle diverse esperienze urbane, anche internazionali, che ho avuto l’opportunità di conoscere e raccontare. Parla anche di orti urbani, del ruolo della terra e dell’agricoltura ma va “oltre” e racconta di orti votati a realizzare obiettivi di ampio respiro educativo, sociale, riabilitativo e rieducativo.

Il libro parla soprattutto dei cittadini attivi e dei tanti meritevoli esempi in cui il verde è coniugato ad altri valori: Quellicheatrastacistannobene, l’Orto collettivo di Campi, l’associazione l’Erba Voglio, l’associazione Meglio Insieme, il centro Arcobaleno, l’Associazione Terra!Onlus, sono solo alcuni esempi delle tante, belle e ricche realtà cittadine.

Verde e diritti sono i protagonisti, soprattutto quando riferiti ai più fragili: bambini, disabili, anziani. Proprio i bambini e i loro diritti sono gli attori centrali di questo racconto, come evidenziato anche dalla postfazione della Dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo di Teglia, Elena Tramelli, che racconta con passione del ruolo del “Verde a scuola”.

Ma si racconta anche di sicurezza, degli errori e delle ipocrisie che questo tema porta con sé. La sicurezza è un’opportunità per i diritti di tutti ma deve essere coniugata e vissuta sempre e comunque con la solidarietà e con i principi, sovrani, della nostra Costituzione.

Dal verde pubblico al verde comune” parla anche della rete e della cittadinanza attiva e dei nuovi strumenti messi a disposizione dell’amministrazione proprio dai regolamenti sui “beni comuni” e dai Patti di collaborazione. Il testo racconta anche di un progetto pilota del Municipio V Valpolcevera, voluto e appassionato, realizzato assieme all’Associazione Open Genova, che ha aperto innanzitutto la banca dati degli spazi verdi vivibili presenti nel territorio municipale e li ha condivisi con il mondo attraverso la rete che concede un’ulteriore opportunità di dialogo e contatto con il mondo della cittadinanza attiva. Quest’ultima è sempre più protagonista del nostro vivere quotidiano e sempre più chiede al soggetto pubblico di rivestire il ruolo di regista e “tessitore” di reti non solo digitali, ma anche di “intrecci umani”.copertina

Questo è il “Verde Comune”, uno spazio virtuale interattivo, nel progetto del Municipio V Valpolcevera, ma anche e prima di tutto una dimensione fisica, accessibile, dove far giocare un bambino, dove riposare. E’uno spazio di diritti e di vita per tutti.

Sono anche pagine dense di speranza e sono un auspicio perché l’amministrazione diventi veramente più aperta. La missione fondamentale della nuova amministrazione deve essere la trasparenza e la condivisione dei dati, una modalità di gestione della “cosa pubblica” che superi il concetto di autorità e unilateralità.

E’ la speranza che una certa politica cessi di essere autoreferenziale perché si accorga che il mondo, la società civile, la cittadinanza attiva, la gente, desiderano essere attori di un cambiamento, di una rivoluzione vera, e non meramente proclamata: “Dal Palazzo alla Piazza”, dalle stanze alla gente.

Il soggetto pubblico deve attrezzarsi per accogliere la spinta che dal basso sta arrivando, che desidera riappropriarsi degli spazi fisici e dei luoghi in cui vive, talvolta dimenticati o non amministrati per carenza di risorse. Anche una semplice panchina può diventare ed essere espressione di democrazia, strumento per vivere gratuitamente una piazza, un belvedere, senza dover pagare nulla, solo per godere della bellezza o per poter riposare e socializzare, insieme.

La “politica della partecipazione” è essa stessa politica e istituzione insieme, e il “bene comune”, sia esso l’acqua, la rete, il Verde; è lo strumento attraverso il quale si manifesta e prende corpo il “diritto alla città”.

Il libro è dunque dedicato a tutti i cittadini attivi, è un modo per ringraziarli del tanto lavoro che svolgono, bene prezioso e “comune”, ma è dedicato anche a tutti quegli amministratori che tale bene custodiscono senza gelosia, che lo fanno crescere attraverso gli strumenti dell’amministrazione condivisa e partecipata, fatta di ascolto e, soprattutto, di porte aperte.

Il libro verrà personalmente donato a diverse biblioteche, anche civiche e universitarie di Genova, perché la sua lettura sia essa stessa un bene comune accessibile a tutti.

indice

[1] Il testo è pubblicato da Aracne editrice, consultabile alla pagina della Casa Editrice in cui è scaricabile l’indice, la Presentazione della Professoressa Bottaro Palumbo e l’introduzione di Elena Fiorini. Il testo è acquistabile on line, anche in formato elettronico, e può essere prenotato presso qualunque libreria d’Italia.

Annunci

3 risposte a "“Dal Verde pubblico al Verde Comune”: il Libro"

  1. Complimenti vivissimi Patrizia ..il tuo magnifico lavoro svolto durante il tuo mandato merita di essere conosciuto e apprezzato dalle persone a beneficio delle quali è stato svolto ma anche da chi potrà usarlo come guida per continuare la tua opera veramente importante per tutti noi e per far sì che nulla di quanto è stato fatto non vada disperso!! Complimenti ancora e un abbraccio affettuoso !!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...